Nella prima prova del Grande Slam, di scena sui campi di Melbourne Park, il Tennis Club Parioli ha schierato quattro giocatori in altrettanti tabelloni. Si tratta di Martina Di Giuseppe, Martina Biagianti, Thomas Fabbiano e Gian Marco Moroni. La prima ad esordire è stata proprio la “Diggiu” che, alla sua seconda esperienza in uno Slam dopo gli US Open 2018, era in possesso della classifica per disputare le qualificazioni femminili così come Gian Marco Moroni che, forte dei buoni risultati della stagione 2018, è entrato anch’egli nel tabellone di qualificazione maschile. Entrambi i giovani giocatori biancoverdi hanno ceduto dopo due battaglie vere e proprie al tie-break del terzo set (da quest’anno a Melbourne sul 6 pari del set decisivo si disputa un super tie-break a 10 punti)  rispettivamente  all'ucraina Anhelina Kalinina (107 WTA) e al taiwanese Jason Jung (121 ATP). Jimbo si è però tolto la soddisfazione, senza prezzo, di scaldare Roger Federer prima dell’esordio del fuoriclasse svizzero sulla mitica Rod Laver Arena. 

Thomas Fabbiano, anch’egli reduce da una delle migliori stagioni della sua carriera, ha disputato un eccellente torneo spingendosi fino al terzo turno dove ha ceduto, non senza lottare al bulgaro Grigor Dimitrov, testa di serie numero 20 ed ex numero 3 del mondo, con il punteggio di 7/6 6/4 6/4. Il ventinovenne pugliese non aveva mai superato un turno sui campi dello Slam “downunder” e, dopo aver eliminato al primo turno l'australiano Kubler in quattro set, si è imposto sul gigante statunitense Opelka nel match-maratona di secondo turno, nonostante ben 67 ace messi a segno dall’avversario.

Altro esordio sul grande palcoscenico di uno slam è stato quello di Martina Biagianti, diciassettenne da sempre nel vivaio del Tennis Club Parioli. Martina, al suo primo main draw di uno Slam, aveva disputato un buon torneo di preparazione agli Australian Open a Traralgon, ITF di grado I dove ha raggiunto il secondo turno in singolare e i quarti in doppio in coppia con Federica Rossi. Sui campi di Melbourne Park Martina è uscita di scena al primo turno del torneo Junior sconfitta dall’ucraina Snigur per 6/2 6/1, pur con la consapevolezza di essere all’inizio di un percorso tutto da costruire.